Home Page > Contatti > Domande Frequenti (Faq)
Domande Frequenti (Faq)
1. Ogni quante volte va fatto il controllo di efficienza energetica della caldaia?

Secondo D.Lgs 311:

una volta all'anno 

  • per impianti alimentati a combustibile liquido o gassoso indipendentemente dalla potenza
  • per impianti alimentati a gas con potenza maggiore o uguale a 35 Kw

ogni due anni

  • per impianti alimentati a gas con potenza inferiore a 35 Kw con anzianità di installazione della caldaia superiore a otto anni
  • per impianti dotati di caldaia a camera aperta

ogni quattro anni

  • per tutti gli altri impianti con potenza caldaia inferiore a 35 Kw

In ogni caso è necessario verificare quali sono le indicazioni del fabbricante della caldaia, il quale quasi sempre richiede il CONTROLLO ANNUALE, pena il decedimento della garanzia



2. Vorrei ristrutturare casa, cosa serve per prima cosa?

Il nostro ufficio tecnico dovrà redigere la relazione tecnica legge 10/91 da consegnare al comune di competenza.



3. Sto costruendo una nuova casa, i pannelli solari per produrre acqua calda sono obbligatori?

Secondo i D.Lgs 192 e 311 sono obbligatori per una copertura del 50% del fabbisogno, ma dovrà uscire un decreto attuativo che stabilirà le linee guida per il calcolo del fabbisogno.
Occorre sempre fare riferimento al regolamento edilizio comunale.



4. Sto costruendo una nuova casa, i pannelli solari per produrre energia elettrica sono obbligatori?

Secondo i D.Lgs 192 e 311 è obbligatorio l'utilizzo di fonti rinnovabili per la produzione di energia elettrica, ma non viene specificato quanto. Come per il solare termico si rimane in attesa di decreti attuativi che esprimano le linee guida sulla progettazione; salvo indicazioni specifiche comunali.
Secondo l'atto di indirizzo regionale è obbligatoria l'installazione di pannelli solari fotovoltaici nella misura di 1 Kwp per ogni alloggio e 0,5 Kwp per mq di superficie per edifici non residenziali.



5. Quali sono gli interventi che possono essere detratti al 55%?

I seguenti interventi su edifici esistenti e già dotati di impianti di riscaldamento:

  • sostituzione caldaia esistente con caldaia a condensazione
  • rifacimento generale dell'impianto di riscaldamento se equipaggiandolo con caldaia a condensazione
  • impianti geotermici a bassa entalpia
  • impianti con riscaldamento in pompa di calore
  • pannelli solari per produzione acqua calda sanitaria
  • isolamento termico di pareti, pavimenti, coperture
  • sostituzione di infissi
  • impianti di addolcimento acqua

 



6. L'impianto a pannelli solari per produrre energia elettrica può essere detratto al 55%?

No, l'incentivo dedicato agli impianti fotovoltaici si chiama CONTO ENERGIA; è un incentivo erogato dal Gestore Servizi Elettrici (GSE) e permette di ammortizzare l'impianto in circa 10 anni.



7. Vorrei affittare il mio appartamento ma non possiedo la dichiarazione di conformità 46/90, è obbligatoria?

Si, il contratto di locazione prevede anche la consegna della dichiarazione di conformità, non più chiamata 46/90 ma 37/08; è necessario fare un sopralluogo per verificare lo stato degli impianti tecnologici e valutare eventuali interventi necessari per mettere a norma il sistema al fine di rilasciare tale dichiarazione di conformità, che in questo caso dovrà essere firmata da un professionista abilitato ed iscritto all'albo.
Esiste una deroga: il locatario ed il locatore potranno accordarsi per evitare la consegna della dichiarazione di conformità.